Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2017

Muffins al liquore zabaione

Immagine
Herr Dr.-Dr. sa benissimo quanto mi piace il liquore delle vecchie zie e ogni tanto, in particolare sotto Pasqua quando se ne trova a bizzeffe, me ne porta una bottiglia a sorpresa. Però non posso certo scolarmela tutta, tanto più che, se non fosse chiaro, l'Eierlikör mette insieme uova e panna e da questo punto di vista non è proprio una mano santa per la salute, e nemmeno per mantenersi più o meno in forma. Quello che resta si può sempre utilizzare in almeno un centinaio di modi tra cui i muffins: morbidi, profumatissimi e che si conservano eccezionalmente a lungo, per il loro genere.
Con questa ricetta tedeschissima ne riescono sei, grossi.
Uova, 2Zucchero, 80 g.1/2 bustina di zucchero vanigliato, o semi di mezza bacca di vanigliaOlio di semi dal sapore neutro, 65 g.Farina 00, 80 g.Amido, 2 cucchiai e 1/2Lievito per dolci, 6. g.Liquore zabaione (tipo VOV), 130 g. Questi muffins non si preparano con il procedimento tradizionale per muffins, ma con uno simile a quello per le mass…

Crostata alle albicocche e nocciole di Cyril Lignac

Immagine
Chi avesse sottomano delle buone albicocche, di una varietà dolce e saporita come ad esempio  le Mogador, e delle nocciole da fare fuori prima che si scatenino trenta gradi in casa, non perda tempo a preparare questa torta che è una variante della classica frangipane. La ricetta è di Cyril Lignac con una sola lieve modifica da parte mia, scoperta, in origine, per utilizzare dello yogurt al mascarpone che avevo in casa e rivelatasi vincente. 
Lignac suggerisce una base in pasta brisée. In alternativa si può utilizzare una frolla, come hanno fatto alcuni suoi "discepoli", ma secondo me l'originale dà un risultato molto più equilibrato tra i diversi sapori. Se mai, utilizzo una ricetta alternativa di brisée scoperta di recente curiosando da Annalise, che è molto gustosa perché utilizza il latticello, o Buttermilch, al posto dell'acqua.  
Al lavoro dunque, per un dolce da 20 cm. Da 22 in su, gli ingredienti per la crema vanno raddoppiati. La torta dev'essere in ogni…

Le offelle di Parona

Immagine
Le offelle di Parona sono di quei biscotti che fanno diventare pazzi, se cercate di scoprire la ricetta "vera", un po' come i crumiri, la Sachertorte e le madeleines di Commercy. Tradizionale prodotto della Lomellina, risalgono all'Ottocento e... niente da fare, la ricetta è segreta e addirittura protetta da occhi indiscreti da apposito consorzio. La loro caratteristica è che utilizzano insieme al burro anche l'olio di oliva, e hanno una forma ovale. Io proprio li volevo, anzi, sapete perché li volevo? Perché, guarda caso, la formina giusta me l'ero trovata "tra i piedi" poco prima e comprata secondo la regola che "non si sa mai", quindi, per una volta che potevo fare le cose anche esteticamente corrette... Per quanto riguarda la ricetta, confrontando qua e là e alla fine mi hanno convinta soprattutto "il Nanni" e Alessandra
Parliamo dell'olio... occhio, dev'essere dal sapore delicato, altrimenti non sarete contenti...…